La dieta dei primi 1000 giorni di un bambino

Donna-in-gravidanzaLa gravidanza è uno dei momenti più emozionanti per una donna e per una coppia. Un momento che oggi può contare sulla nuova teoria dei 1000 giorni, nata con le ultime scoperte dell’ epigenetica, scienza che studia l’attivazione dei nostri geni.

E’ emerso che dal concepimento ai due anni di età del bambino, l’ambiente che lo circonda e gli alimenti di cui si nutre sono fondamentali per la sua salute futura.

E’ vero che nella pancia della mamma il bimbo è protetto da tutto, ma questi due fattori sono decisivi.

Se la mamma vive in una città inquinata o in una zona agricola con un importante uso di pesticidi, il feto è più a rischio perchè le sostanze assorbite potrebbero interferire con l’attività dei suoi geni e sviluppare malattie future.

Oggi sappiamo che anche l’alimentazione è fondamentale per la corretta crescita del piccolo: se una donna in attesa mangia troppi zuccheri, grassi, sale e cibi carichi di conservanti è molto probabile che suo figlio possa andare incontro ad obesità, ipertensione e malattie metaboliche.

Quali sono, allora, le regole per una corretta alimentazione in gravidanza?

Innanzitutto, bere molta acqua. Preferire frutta e verdura di stagione, puntare su legumi e cereali integrali, pesce azzurro, poca carne e olio extravergine d’oliva, sia in gravidanza che durante l’allattamento. Vale la pena ricordare che il latte materno è l’alimento più sano e completo che si possa offrire ad un neonato, un’assicurazione sulla salute del bambino.

Approfondisci

Sette appuntamenti per celebrare la giornata della memoria

Giornata-della-memoriaFilm, documetari e libri per non dimenticare l’orrore dell’Olocausto.

In libreria

Gli imputati di Norimberga di Eugene Davidson, non è solo l’analisi del processo più famoso della storia, ma un resoconto completo della Germania nazista. Narra, inoltre, la vera storia di 22 fedelissimi di Hitler, indagati per crimini contro l’umanità.

The Wolf, di Lavie Tidhar, racconta una realtà parallela dove il nazismo non è mai salito al potere: un thriller a metà tra il noir e il fantascientifico.

Quando tornò l’arca di Noè di Lia Levi, descrive le avventure di 3 bambini ebrei a Roma nel 1943, all’indomani dell’occupazione tedesca. Questo libro tenta di spiegare ai ragazzi le terribili leggi razziali dell’epoca.

Al cinema

Il figlio di Saul, dell’ungherese Lazlo Nemes, candidato all’Oscar come miglior film straniero, è la storia di un padre ebreo costretto dai nazisti ad assistere allo sterminio del suo popolo.

The Eichmann Show, racconta il retroscena del processo ad Adolf Eichmann, trasmesso in tv nel 1961. Fu il primo evento mediatico che mostrò l’orrore dei campi di concentramento.

Il labirinto del silenzio: negli anni ’50 un magistrato si mette sulle tracce di un insegnante ex ufficiale delle SS. E’ una storia vera.

In televisione

Gli eroi di Dachau, è un documentario che ricostruisce il giorno della liberazione dei prigionieri dall’omonimo campo di sterminio tedesco grazie alle toccanti testimonianze dei deportati sopravvissuti e dei loro salvatori tramite documenti e immagini inedite. Da non perdere.

Approfondisci

Come scegliere i pantaloni giusti

leggingsLa forma dei pantaloni fa la differenza. Aderenti o ampi, lunghi o corti, ad ognuna il suo.

Ecco qualche piccolo consiglio per sapere quali scegliere, quali sono i modelli di tendenza e come indossarli.

I pantaloni loose, sono larghi e morbidi, giusti per tutte le taglie, ma vanno valorizzati con gli accessori. Perfetti con il tacco alto, da evitare con gli anfibi.

Il taglio sailor si presenta con i classici tre bottoncini dorati, per cui abbinateli a pull o bluse non troppo lunghe, che non coprano questi deliziosi dettagli. Più adatti sono i maglioncini tricot, molto bon ton.

I pantaloni pajama, con un taglio classico e microfantasie, vanno indossati con capi semplici e monocromatici. Sì con una camicia lunga, no con i camicioni larghi e lunghissimi.

I leggins, molto di moda ultimamente, sono pratici e comodi. Abbinali a maglie oversize, ed evita i minitop, si trasformerebbero subito in abiti per la palestra.

I biker, stretti, neri e di pelle con le cuciture a vista: adatti per uno stile total black, un po’ da  motociclista. Ok con gli stivali, mai con le decolletèes.

I jodhpur, il modello da cavallerizza per intenderci, va enfatizzato con capi country. Per cui sì ai cardigan, no alle felpe o accessori troppo sportivi.

I pantaloni cropped, sono larghi e lunghi ed arrivano a metà polpaccio. Cool e di tendenza quest’inverno, presentano un solo rischio, quello di spezzare la figura. Per cui abbinateli a scarpe stiletto o stringate, ma non a stivali.

Approfondisci

Saghe editoriali che passione!

guerra-delle-due-rose-pj-magazineIn libreria le saghe di guerre, misteri familiari ed eroi mitologici riscuotono sempre un gran successo.

La Guerra delle due rose di Conn Iggulden narra una storia ricca di sorprese e sangue in 3 volumi, ora riuniti in un unico cofanetto, per non perdere nemmeno un minuto tra un libro e l’altro.

L’autore inglese è considerato il gran maestro del romanzo storico e ne La guerra delle rose contrappone la famiglia degli York a quella dei loro antagonisti per eccellenza, i Lancaster, che si contendo il destino dell’Inghilterra nel 1400.

Il senso della trilogia trova le sue radici in un argomento sempre attuale, la spietata lotta per il potere di persone senza scrupoli disposti a tutto per ottenerlo.

Ha venduto 40 milioni di copie in tutto il mondo, Rick Riordan con la sua opera La spada del guerriero. Magnus Chase e gli dei di Asgard. Una saga consigliata dai 12 anni su che appassionerà adulti e ragazzi.

Secondo le leggende tedesche se un uomo muore valorosamente brandendo una spada, entra a far parte della corte del dio Odino, ed è proprio quello che succede al protagonista della storia, il sedicenne Magnus Chase. Il ragazzo scompare per salvare Boston da un attentato e si ritrova nel mondo degli dei nordici. Un romanzo tutto scoprire.

Le riunioni di famiglia sono pericolose in ogni epoca: ed è questo il soggetto dell’ultimo libro di Elizabeth Jane Howard scomparsa 2 anni fa, Gli anni della leggerezza. La saga dei Cazalet.

Una lunga storia divisa in 5 volumi, racconta le vicissitudini della famiglia Cazalet a partire dal 1937 in una casa di campagna immersa nel verde. Ma l’inquietudine di quei tempi segnerà tutti.

Approfondisci

Come avvicinare i bambini alla lettura

bambino-con-libroSe tra i tuoi bambini e i libri non è ancora scattata la scintilla, vediamo insieme quali strategie adottare per avvicinare i ragazzi alla lettura.

Quanti genitori regalano ai figli dei libri per Natale o per il compleanno? Molti. Ma non sempre i ragazzini apprezzano.

Ammettiamolo: non è semplice invogliare i bambini alla lettura se hanno la possibilità di fare altre mille cose tra smartphone e playstation, soprattutto, poi, se associano i libri alla noia o ad un’ imposizione.

Certo, sono piccoli e non sanno ancora quanto un buon romanzo possa superare d’intensità e bellezza, un film o un videogame, ma diamo loro l’opportunità di appassionarsi alla lettura tramite qualche piccolo escamotage.

Innanzitutto, racconta loro fiabe sin da bambini che possano capire e assimilare prima ancora che imparino a leggere. Dimostra che ogni testo è un mondo a parte, con tante vicende e personaggi a volte bellissimi altre un po’ meno, ma che nessun racconto può far male davvero a differenza dei film.

Cerca di non imporre mai la lettura: tutti i bambini sono diversi e ognuno risponde agli stimoli diversamente, per cui la lettura non deve essere mai un compito ma un piacevole e leggero hobby.

Abituali ad associare i libri al relax: una buona strategia è isolare il tempo della lettura da quello dedicato ad altre attività. Per esempio la sera, senza altre distrazioni prima di dormire, è il momento giusto per cominciare a leggere un buon libro, così che i piccoletti possano portare le storie lette nei loro sogni.

Approfondisci

Le serie americane più attese

American-Horror-Story-TitleSono state tre le serie tv più attese per il mese di dicembre: Proof, American Horror Story e Fargo2.

Proof è la serie americana che indaga su cosa ci aspetti dopo la morte, sul paranormale: è in onda su Premium Stories dal 17 dicembre.

La protagonista Jennifer Beals, famosa per aver girato qualche anno fa Flashdance, è la chirurga Carolyn Tyler che dopo la morte del figlio non si è mai ripresa pienamente, finchè non le viene proposto dal magnate Ivan Turing malato terminale, di indagare sulla vita ultraterrena .

American Horror Story: Hotel è alla quinta stagione del telefilm horror di Ryan Murphy.

Lady Gaga, diva da brivido in questa serie, è Elizabeth Johnson, chiamata la Contessa, proprietaria ricca ed elegante dell’albergo i cui ospiti sono vittime dei vampiri.

Per il suo debutto in tv la cantante, entusiasta, ha ricevuto una nomination ai prossimi Golden Globe.

Fargo 2 è il prequel della prima stagione ambientato negli anni 80, ideato e realizzato dai fratelli Coen. Il veterano del Vietnam Lou e suo suocero e sceriffo Hank, indagano su tre omicidi che hanno sconvolto la loro tranquilla cittadina.

La diva della serie è, in questo caso, Kirsten Dunst che interpreta Peggy Blumquist, che con il marito Ed, si è macchiata di un terribile omicidio.

Nonostante la Dunst reciti da quando era bambina, questo è il suo primo ruolo in tv: debuttò al cinema a soli 6 anni in New York stories, nell’episodio diretto da Woody Allen.

Approfondisci

Umore instabile: un braccialetto può dirti se soffri di sindrome bipolare

umore braccialeOggi ti senti in forze, vai alla grande, sei pieno di energie. Adesso, invece, sei di cattivo umore, triste e fiacco. Eppure sei sempre tu, la stessa persona che ogni giorno affronta la vita e gli impegni come fanno tutti. Ma tu sei diverso, instabile, un giorno forte e l’altro molto debole.

I repentini cambi di umore non vanno sottovalutati, perchè potrebbero essere indice di una patologia molto diffusa ma di cui si sente parlare poco: la sindrome bipolare.

Questo disturbo colpisce sopratutto le donne, alternando periodi di euforia a momenti di ansia e malinconia: non è questione di carattere ma una patologia vera e propria.

Alcuni ricercatori dell’Università di Pisa, sotto la direzione della psichiatra Donatella Marazziti, hanno avviato una sperimentazione innovativa per diagnosticare in anticipo i cambi d’umore tramite un braccialetto che rileva i parametri corporei.

In sostanza, si monitorano i pazienti attraverso un braccialetto elettronico come quello che usano gli sportivi collegato ad una wi-fi: in sei mesi traccerà le variazioni dei battiti cardiaci e l’alternanza tra sonno e veglia. I dati rilevati saranno analizzati per studiare il rapporto di causa-effetto tra condizioni fisiche e comparsa della malattia.

In questo modo, il paziente potrà intervenire in tempo avviando la giusta terapia farmacologica e tenere sotto controllo il suo stato di salute.

L’obiettivo è creare un’app per gli smartphone in grado di essere connessa al braccialetto: basterà una semplice notifica per avvertire il paziente dell’inizio del cambiamento.

Approfondisci

Sì o No allo scooter elettrico?

scooterelettricoIn città se ne vedono ancora pochi, per lo più di marche sconosciute, ma gli scooter elettrici hanno molti vantaggi a loro disposizione.

Innanzitutto, il pieno costa pochi centesimi, bel vantaggio rispetto al costo della benzina!

Visto che vanno a batterie, non devono sostenere revisioni o tagliandi periodici e non necessitano di alcuna manutenzione se non quella per l’usura quotidiana degli pneumatici, dei freni e cosi via.

Gli scooter elettrici possono circolare anche nelle zone a traffico limitato e dove sono previste restrizione del codice stradale. Il bollo è gratis per 5 anni, ma per alcune regioni, come il Piemonte, le cose cambieranno nel corso del 2016.

Se l’idea di questo veicolo elettrico sta affascinando anche te e vuoi comprarne uno, informati sulla situazione della tassa di circolazione. Tieni presente che molte aziende offrono uno sconto del 50% per assicurarlo: di solito nei mesi di gennaio e febbraio lo Stato mette a disposizione degli eco-incentivi per questi mezzi. Bisogna esser veloci però, perchè queste offerte scadono in fretta.

L’ultimo modello Askoll Es- 1 sta riscuotendo un gran successo: è un low cost e sembra di guidare un cinquantino, dicono!

Può portare una persona, non supera i 45 Km all’ora ed è silenziosissimo. La guida risulta semplice e comoda, e lo sprint cala man mano che la batteria si consuma.

La ricarica della batteria si effettua dalle prese di casa e richiede circa 6 ore.

Promosso a pieni voti.

Approfondisci

Smartphone, come guadagnare con le app

app smartphone soldiChi si affaccia per la prima volta al mondo di Internet, e della tecnologia più in generale, probabilmente non conosce le migliaia di opportunità di guadagno che la rete ha da offrirgli. In questi anni, grazie alla semplificazione dei sistemi di gestione e creazione di siti, blog ed applicazioni, sempre più persone hanno tentato di far fortuna sfruttando le proprie capacità hi-tech. Altri, hanno invece preferito utilizzare piattaforme già pre-impostate, create ad hoc per esprimere il potenziale necessario ad una giusta remunerazione. (altro…)

Approfondisci

Il Tartan va sempre di moda

cover-abiti-tartan-il-trucco-piu-desktop-1200x425Il Tartan, il tessuto scozzese è sempre in scena: semplice come una divisa da scolaretta , elegante come un completo di alta sartoria.

Vediamo come abbinare i capi in modo elegante ed raffinato, senza scivolare nel ridicolo ed apparire come delle simpatiche clown.

Se si opta per un total look tartan, per portarlo in modo moderno va spezzato con una fantasia a fiori che possa creare un contrasto romantico e femminile.

La blusa tartan, classica e molto femminile sta bene con una gonna a ruota nera o rossa. Per le scarpe, scegli i mocassini dalla suola alta, e se invece preferisci i tacchi, un paio di francesine saranno perfette.

Sì anche al vestitino interamente scozzese, ma se abbinato ad un cappotto di montone o ad una pelliccia, rigorosamente eco. Il mix fa subito inverno e puoi completarlo con dei bei stivali alti ed un berretto di lana.

Il cappotto in scozzese si abbina con tutto perchè è un classico. Addirittura la fashion stylist Poppie Clinch lo combina persino con i pois.

Il Tailleur esalta il lato bon ton del tartan: aggiungi un filo di perle e sarai perfetta.

I pantaloni in tartan, in effetti, non sono facili da indossare, ma se abbinati ad una maglia larga in tinta unita potresti sfoggiare una versione inedita di un look semiclassico.

Infine, non dimentichiamo quanto siano belli gli accessori in tartan: se vesti in total black aggiungi un tocco stravagante e spiritoso, come un orologio e un paio di scarpe tartan,  per ravvivare il look.

Approfondisci