Migliori libri per bambini di 9 anni

La frase ‘Prima si comincia a leggere meglio è’ risulta ora un leitmotiv parte della società contemporanea. Tuttavia, per far sì che ciò accada, la scelta del libro da consegnare fra le mani di bambini piccoli è una tappa molto importante e che necessita tanta accortezza quanta ne occorre per ponderare l’acquisto di un libro per adulti. Ed è per questo che nel presente articolo vogliamo rassegnare vari racconti e libricini adatti a bambini in età preadolescenziale. (altro…)

Oggetto d’amore di Edna O’Breien

love books
love books

Conosciuta e amata per i suoi romanzi, Edna O’Breien oggi ci presenta il suo ultimo lavoro in una forma diversa e più breve: questo libro offre una selezione dei suoi miglior racconti scritti tra il 1968 e il 2011, molti dei quali inediti in Italia.

La  O’Breien riporta il lettore nella sua amata campagna irlandese dove è nata e cresciuta, per poi allontanarsene scrivendo di luoghi moderni e cosmopoliti come New York e Londra,  dove donne brillanti e coraggiose vivono le loro vite tra gioie e dolori.

Donne deluse, ferite e ribelli che la scrittrice racconta in tutte le loro sfumature, pagine ricche di sensibilità e di coraggio.

Il primo racconto, quello che dà il titolo al libro, Oggetto d’amore, narra dettagliatamente le vicissitudini di una storia d’amore, dall’inizio alla fine. Scompone la relazione in attimi e gesti, che possono sembrar inutili ma che, invece, risultano fondamentali per capire le dinamiche di una tormentata passione fra due sconosciuti.

In Bagordi irlandesi, la protagonista è Mary emozionata ed impaziente, considerata l’alterego di Edna, che si prepara per la sua prima festa, in opposizione al duro contesto in cui vive, quello rurale con tradizioni e regole vecchie come il mondo.

E poi ci sono Eily che nel capitolo La donna scandalosa, ha perso la sua verginità con un mascalzone e per questo additata e allontanata da tutti, e la giovane protagonista senza nome del racconto Paradiso che per la ricchezza ed il benessere sceglie di trascorrere il suo tempo con un anziano playboy.

Il bicentenario della nascita di Charlotte Brontë

CBronte_2495332bIl 21 aprile si è celebrato il bicentenario della nascita di Charlotte Brontë, la famosa autrice inglese di indimenticabili romanzi : dal capolavoro Jane Eyre alla romantica Shirley.

Una scrittrice dell’Ottocento più moderna che mai.

Cosa scoprono le donne che oggi leggono opere scritte due secoli fa?

Charlotte Brontë, terza di sei figli, nacque nelle brugherie dello Yorkshire nel 1816. Cominciò a scrivere giovanissima insieme alle sorelle, Anne ed  Emily, quest’ultima famosa per l’intramontabile Cime Tempestose.

Charlotte, Emily e Anne pubblicarono alcune opere sotto gli pseudonimi di Currer, Ellis e Acton Bell.

L’autrice si sentiva oppressa e inadeguata nel suo corpo da giovane adolescente, ma come la sua eroina Jane Eyre, riuscì a trovare il suo posto nel mondo grazie alla sua incredibile forza d’animo e al dono dell’ironia.

Era profondamente convinta del fatto che la cultura e l’intelligenza l’avrebbero portata al successo, all’agoniato riscatto sociale. Oggi, in tempi in cui le donne lottano per i propri diritti, i romanzi di Charlotte Brontë risultano essere tanto contemporanei quanto lo furono in passato.

L’assoluta modernità dei suoi libri sembra essere quasi più avanti di molte opere odierne, dove la donna per sentirsi completa ha bisogno di essere salvata da un uomo, come racconta la recente serie After di Anna Todd o la saga di Twilight di Stephenie Meyer.

Tutto il contrario di ciò che scriveva Charlotte: nelle sue storie le donne riuscivano ad imporre la loro personalità nonostante il maschilismo e la repressione sociale vittoriana.

Un’oasi di serenità rosa e azzurra

margheritaIn primavera ormai inoltrata sboccia in tutte noi quella voglia di dare un tocco di colore a  balconi e giardini con piante e fiori colorati.

Se sei sempre aggiornata sulle tendenze saprai che i colori del 2016 sono il rosa e l’azzurro, tinte che ispirano calma e serenità.

Se scegli il rosa, la margherita farà di sicuro al caso tuo. L’effetto buonumore è garantito.

Questa pianta ha bisogno di acqua, sole e un terreno con del concime organico.

L‘azalea ha il giusto punto di rosa tanto in voga quest’anno. E’ una pianta che sta bene in giardino, ma ha bisogno del terriccio per acidofile misto a sabbia, così che le radici possano espandersi. Posizionala in una zona ombreggiata e mantienila sempre umida.

L’ortensia può essere coltivata sia in giardino che in vaso, e fiorirà fino all’arrivo dell’autunno. Questa pianta richiede la torba al posto del terriccio universale: evita di esporla al sole nelle ore più calde della giornata e annaffiala quando il terreno è secco ma attenzione ai ristagni d’acqua.

Con la viola del pensiero puoi creare una graziosa aiuola azzurra, e per ottenere il massimo del risultato interra le piantine una vicina all’altra. Ha bisogno di molto sole e di essere bagnata spesso, ma evita, anche in questo caso, i ristagni d’acqua.

Coltiva la portulaca in un angolo soleggiato e farà roselline tutta l’estate. Le occorre poca acqua, tanto sole e un terreno non troppo compatto. Anche in estate bagnala solo quando il terreno risulta asciutto.

Sette appuntamenti per celebrare la giornata della memoria

Giornata-della-memoriaFilm, documetari e libri per non dimenticare l’orrore dell’Olocausto.

In libreria

Gli imputati di Norimberga di Eugene Davidson, non è solo l’analisi del processo più famoso della storia, ma un resoconto completo della Germania nazista. Narra, inoltre, la vera storia di 22 fedelissimi di Hitler, indagati per crimini contro l’umanità.

The Wolf, di Lavie Tidhar, racconta una realtà parallela dove il nazismo non è mai salito al potere: un thriller a metà tra il noir e il fantascientifico.

Quando tornò l’arca di Noè di Lia Levi, descrive le avventure di 3 bambini ebrei a Roma nel 1943, all’indomani dell’occupazione tedesca. Questo libro tenta di spiegare ai ragazzi le terribili leggi razziali dell’epoca.

Al cinema

Il figlio di Saul, dell’ungherese Lazlo Nemes, candidato all’Oscar come miglior film straniero, è la storia di un padre ebreo costretto dai nazisti ad assistere allo sterminio del suo popolo.

The Eichmann Show, racconta il retroscena del processo ad Adolf Eichmann, trasmesso in tv nel 1961. Fu il primo evento mediatico che mostrò l’orrore dei campi di concentramento.

Il labirinto del silenzio: negli anni ’50 un magistrato si mette sulle tracce di un insegnante ex ufficiale delle SS. E’ una storia vera.

In televisione

Gli eroi di Dachau, è un documentario che ricostruisce il giorno della liberazione dei prigionieri dall’omonimo campo di sterminio tedesco grazie alle toccanti testimonianze dei deportati sopravvissuti e dei loro salvatori tramite documenti e immagini inedite. Da non perdere.

Saghe editoriali che passione!

guerra-delle-due-rose-pj-magazineIn libreria le saghe di guerre, misteri familiari ed eroi mitologici riscuotono sempre un gran successo.

La Guerra delle due rose di Conn Iggulden narra una storia ricca di sorprese e sangue in 3 volumi, ora riuniti in un unico cofanetto, per non perdere nemmeno un minuto tra un libro e l’altro.

L’autore inglese è considerato il gran maestro del romanzo storico e ne La guerra delle rose contrappone la famiglia degli York a quella dei loro antagonisti per eccellenza, i Lancaster, che si contendo il destino dell’Inghilterra nel 1400.

Il senso della trilogia trova le sue radici in un argomento sempre attuale, la spietata lotta per il potere di persone senza scrupoli disposti a tutto per ottenerlo.

Ha venduto 40 milioni di copie in tutto il mondo, Rick Riordan con la sua opera La spada del guerriero. Magnus Chase e gli dei di Asgard. Una saga consigliata dai 12 anni su che appassionerà adulti e ragazzi.

Secondo le leggende tedesche se un uomo muore valorosamente brandendo una spada, entra a far parte della corte del dio Odino, ed è proprio quello che succede al protagonista della storia, il sedicenne Magnus Chase. Il ragazzo scompare per salvare Boston da un attentato e si ritrova nel mondo degli dei nordici. Un romanzo tutto scoprire.

Le riunioni di famiglia sono pericolose in ogni epoca: ed è questo il soggetto dell’ultimo libro di Elizabeth Jane Howard scomparsa 2 anni fa, Gli anni della leggerezza. La saga dei Cazalet.

Una lunga storia divisa in 5 volumi, racconta le vicissitudini della famiglia Cazalet a partire dal 1937 in una casa di campagna immersa nel verde. Ma l’inquietudine di quei tempi segnerà tutti.

Come avvicinare i bambini alla lettura

bambino-con-libroSe tra i tuoi bambini e i libri non è ancora scattata la scintilla, vediamo insieme quali strategie adottare per avvicinare i ragazzi alla lettura.

Quanti genitori regalano ai figli dei libri per Natale o per il compleanno? Molti. Ma non sempre i ragazzini apprezzano.

Ammettiamolo: non è semplice invogliare i bambini alla lettura se hanno la possibilità di fare altre mille cose tra smartphone e playstation, soprattutto, poi, se associano i libri alla noia o ad un’ imposizione.

Certo, sono piccoli e non sanno ancora quanto un buon romanzo possa superare d’intensità e bellezza, un film o un videogame, ma diamo loro l’opportunità di appassionarsi alla lettura tramite qualche piccolo escamotage.

Innanzitutto, racconta loro fiabe sin da bambini che possano capire e assimilare prima ancora che imparino a leggere. Dimostra che ogni testo è un mondo a parte, con tante vicende e personaggi a volte bellissimi altre un po’ meno, ma che nessun racconto può far male davvero a differenza dei film.

Cerca di non imporre mai la lettura: tutti i bambini sono diversi e ognuno risponde agli stimoli diversamente, per cui la lettura non deve essere mai un compito ma un piacevole e leggero hobby.

Abituali ad associare i libri al relax: una buona strategia è isolare il tempo della lettura da quello dedicato ad altre attività. Per esempio la sera, senza altre distrazioni prima di dormire, è il momento giusto per cominciare a leggere un buon libro, così che i piccoletti possano portare le storie lette nei loro sogni.

Le serie americane più attese

American-Horror-Story-TitleSono state tre le serie tv più attese per il mese di dicembre: Proof, American Horror Story e Fargo2.

Proof è la serie americana che indaga su cosa ci aspetti dopo la morte, sul paranormale: è in onda su Premium Stories dal 17 dicembre.

La protagonista Jennifer Beals, famosa per aver girato qualche anno fa Flashdance, è la chirurga Carolyn Tyler che dopo la morte del figlio non si è mai ripresa pienamente, finchè non le viene proposto dal magnate Ivan Turing malato terminale, di indagare sulla vita ultraterrena .

American Horror Story: Hotel è alla quinta stagione del telefilm horror di Ryan Murphy.

Lady Gaga, diva da brivido in questa serie, è Elizabeth Johnson, chiamata la Contessa, proprietaria ricca ed elegante dell’albergo i cui ospiti sono vittime dei vampiri.

Per il suo debutto in tv la cantante, entusiasta, ha ricevuto una nomination ai prossimi Golden Globe.

Fargo 2 è il prequel della prima stagione ambientato negli anni 80, ideato e realizzato dai fratelli Coen. Il veterano del Vietnam Lou e suo suocero e sceriffo Hank, indagano su tre omicidi che hanno sconvolto la loro tranquilla cittadina.

La diva della serie è, in questo caso, Kirsten Dunst che interpreta Peggy Blumquist, che con il marito Ed, si è macchiata di un terribile omicidio.

Nonostante la Dunst reciti da quando era bambina, questo è il suo primo ruolo in tv: debuttò al cinema a soli 6 anni in New York stories, nell’episodio diretto da Woody Allen.

Quali libri regalare a Natale

fabio voloIl Natale è alle porte e chi sceglie di regalare un libro non ha che l’imbarazzo della scelta.

Molti sono gli autori che si sono dedicati a romanzi, saggi e fiabe per grandi e piccoli lettori.

Tra gli scrittori italiani più in voga quest’ anno troviamo Niccolò Ammanniti con la sua ultima opera dal titolo Anna.

Anna, la protagonista che dà il nome al libro, è una tredicenne in cerca del suo fratellino rapito. Dobbiamo riconoscere ad Ammanniti il suo naturale talento, e quindi il suo successo, nel raccontare trame e personaggi adolescenziali. Nessuno come lui.

In E’ tutta vita, Fabio Volo, spiega come una coppia possa restare insieme nel tempo, soprattutto dopo la nascita di un figlio, che inevitabilmente sconvolge gli equilibri di ogni relazione, anche quella più salda e consapevole della prova che sta per affrontare.

Il bellissimo romanzo Panorama, di Massimo Pincio, si è appena aggiudicato il Premio Sinbad, concorso internazionale organizzato da editori indipendenti.

Il protagonista di questa storia è Ottavio Tondi, un lettore per lavoro: sceglie accuratamente, tra i faldoni che arrivano alle case editrici per cui collabora, quali romanzi pubblicare. Un giorno, quasi per caso, si trova a chattare con una donna conosciuta in un social dal nick Panorama. Da lì ha inizio una fitta corrispondenza che dura 4 anni : i due, però, in tutto questo tempo non s’incontreranno mai. Uno libro raffinato, e particolarmente attuale, sul mondo del web e dell’editoria. Un’idea regalo fantastica per i fanatici dei social network.

Soldi delle opere religiose investiti in un resort di lusso

slide_54Dopo le polemiche scatenate dalle parole dell’arcivescovo di Ferrara Luigi Negri, vicino a Comunione e Liberazione, un nuovo fronte di guerra sembra destinato a scatenarsi all’interno della Chiesa cattolica. A scatenare la battaglia potrebbe essere stavolta la vicenda che ha visto i soldi destinati alle opere religiose trasformarsi in resort di lusso sparsi tra l’Africa e il Medio Oriente.

Un fiume di denaro, circa 50 milioni di euro, affidati dai frati francescani a un faccendiere per pura speculazione, ad un tasso di interesse del 13,5 per cento. I responsabili del fattaccio sono statiinfatti messi sotto inchiesta dalla Procura di Milano e perquisiti, mentre le indagini sono in fase di svolgimento tra Italia e in Svizzera, con sequestri già eseguiti per 5 milioni di euro.

Il tutto sarebbe però partito da una denuncia dell’ordine francescano, dai vertici attuali della Casa Generalizia, della Provincia Lombarda e della Conferenza dei ministri provinciali dell’ordine. In parole povere, sarebbero proprio stati gli uomini vicini al Papa a denunciare l’ammanco di ben 49,5 milioni di euro dalle casse degli enti religiosi, mettendo in tal modo la procura di Milano sulle tracce degli indagati. Sotto inchiesta sono l’ex economo della curia generalizia dei frati minori, frate Giancarlo Lati, il suo omologo nella Provincia Lombarda, frate Renato Beretta, e quello della Conferenza dei ministri provinciali, frate Clemente Moriggi.

L’accusa elevata nei loro confronti  dai pubblici ministeri milanesi, Alessia Mele, Sergio Spadaro e Adriano Scuderi, è concorso in appropriazione indebita. I tre avrebbero provveduto a trasferire milioni di euro, non solo senza alcuna autorizzazione, ma anche violando le finalità religiose. Un trasferimento a beneficio di Leonida Rossi, un faccendiere nato in Italia e residente in Kenya, dietro la promessa di un ritorno del 13,5 per cento sulle somme in questione. L’accusa per Rossi, che si è suicidato nella sua villa, è l’impiego di denaro di provenienza illecita. L’operazione è iniziata nel 2007 e l’uomo non avrebbe mai restituito la gran parte dei soldi in questione.