E’ vero che il cervello delle donne si mantiene più giovane?

2 months ago

Non è solo una diceria: da uno studio effettuato sembra che la mente delle donne si mantenga più attivo di quello degli uomini, e per la precisione rimane tre anni più giovane. Ma cosa dice esattamente lo studio? Chi lo ha effettuato?

Lo studio

Di recente, la School of medicine di St. Louis, a Washington, ha condotto uno studio sul cervello, sottoponendo 205 soggetti ad una Pet, per scoprire come questo organo bruciasse gli zuccheri, e ciò può diminuire l’invecchiamento. Di questo gruppo, 121 erano donne ed 84 uomini, di età comprese tra i 20 e gli 82 anni. Dall’esame e dalle analisi dei dati con un algoritmo, è emerso che le donne hanno un’età celebrale di 3,8 anni inferiore a quella anagrafica.

Tramite questa analisi, volta a studiare il metabolismo, si potrebbe approfondire di più la natura di malattie neurodegenerative, come ha spiegato lo stesso autore della ricerca, il dottor Manu Goyal.

Lo studio, inzialmente, si focalizzava su il metabolismo: il cervello è l’organo più complesso dell’organismo, e funziona proprio grazie agli zuccheri, che viene utilizzato in diversi modi dalla crescita alla vecchiaia. Tramite la glicosi aerobica, processo fondamentale che sviluppa e matura il cervello, i più giovanni, ovvero i bambini e gli adolescenti, usano una gran parte di zuccheri nelle funzioni celebrali, mentre il resto viene usato per le attività fisiche e i movimenti. Con il passare degli anni, tuttavia, i livelli di glucosio si abbassanno e, di conseguenza, anche l’attività celebrale e motoria.

Caratteristiche del cervello femminile

La differenza media tra l’attività celebrale maschile e femmine, secondo sempre Goyal, è “significativa e riproducibile”, ma non per questo i cervelli degli uomini invecchiano più velocemente di quelli delle donne. L’unica ragione per il declino cognitivo nei soggetti femminili è più lento, è solo perché, effettivamente, questo organo è veramente più giovane. Forse, è anche per questo che le donne riescono a fare più cose alla volta, rispetto a molti uomini.

Sebbene il cervello femminile sia più piccolo di quello maschile, ha maggiori capacità di sopportare lo stress, ma non è l’unica caratteristica che gli studiosi hanno attribuito a quest’organo. Infatti, sembra che quello delle donne possa riconoscere ed elaborare di più le emozioni, rispetto agli altri.

Quando le donne perseguono un obbiettivo, rispetto agli uomini si “godono” di più il percorso, che il raggiungimento dello scopo, tuttavia, fanno più fatica a distaccarsi emotivamente da cose o persone, e per risolvere le situazioni preferiscono di più parlare.

Secondo precedenti studi (soprattutto psicologici), i due sessi affrontano anche in modo diverso determinate situazioni. Infatti, le donne usano metodi più flessibili nell’organizzare pensieri ed affrontare situazioni, rispetto agli uomini. Questi ultimi, inoltre, giudicano alcune decisioni o fatti più frettolosamente delle donne. Tuttavia, sembra che entrambi siano fiduciosi allo stesso modo riguardo alle decisioni prese.

Claudia