Formula 1 Mondiale 2020: chi sono i piloti in gara

4 months ago

Nella Formula 1 tra la scuderia tedesca della Mercedes ed il Cavallino Rampante è da sempre un testa a testa, sancendo una storica rivalità che va avanti oramai da anni.

Mancano un paio di mesi al Mondiale 2020 di Formula 1, che inizierà col GP d’Australia il 15 marzo, ed il pubblico sembra già in fermento in vista della tradizionale gara d’apertura sul circuito di Melbourne. Gli appassionati della Ferrari sperano di tornare a celebrare quel titolo oramai assente dal lontano 2007 con il pilota tedesco Michael Schumacher, sette volte campione del mondo.

Tuttavia, il pilota inglese Lewis Hamilton potrebbe conquistare il podio, considerato tra i favoriti per la vittoria del trofeo quest’anno. Laddove accadesse, Lewis Hamilton si avvicinerebbe al record storico di Schumacher, come mostrano diversi bookmakers come William Hill, che è tra i più interessati alla F1 e al mercato nostrano.

Nel prossimo mondiale, alla guida della rossa più famosa del mondo, ci saranno i piloti Sebastian Vettel e Charles Leclerc, che cercheranno di interrompere il digiuno da trofei che dura da oramai tredici anni. Sebbene l’anno scorso sia stato alquanto deludente, la casa automobilistica di Maranello sembra avere grandi ambizioni per questo nuovo anno.

Ad accompagnare Lewis Hamilton con la sua Mercedes ci sarà il pilota finlandese Valtteri Bottas. Reduce dalla vittoria allo scorso mondiale, Hamilton tenterà nell’impresa di eguagliare il campione Michael Shumacher, icona della Formula 1, in quanto a numero di titoli.

Inoltre, in vista del Mondiale 2020, la scuderia campione del mondo ha modificato leggermente la propria denominazione, diventando Mercedes-AMG Petronas Formula One Team, riconquistando così il riferimento alla Formula 1, perso dal 2017 al 2019.

Hamilton firmò un contratto con la McLaren a soli dodici anni. Nel 2001 fece il suo debutto in Renault e due anni più tardi, con dieci vittorie in quindici gare, vinse il titolo. Sei volte campione del mondo, il pilota britannico conquistò il primo titolo nel 2008 con la McLaren. Con la Mercedes, invece, inizia una cavalcata trionfale aggiudicandosi il titolo nel 2014 e 2015, lo sfiora nel 2016, per poi ripetersi nei successivi tre anni.

Per quanto riguarda la Red Bull, invece, è stata ufficializzata la coppia Max Verstappen-Alexander Albon, anche loro nel tentativo di interrompere un’astinenza che dura da tempo, dopo gli anni d’oro tra il 2010 ed il 2013.

Alla guida della McLaren si prepara la coppia composta da Carlos Sainz e Lando Norris, che approfitteranno di eventuali défaillance altrui per ridurre la distanza che li separa dai primi tre. Si crede che questa possa essere per la McLaren l’occasione per un ritorno al vertice, dopo un periodo alquanto buio vissuto dall’intera squadra.

Per la Renault gareggeranno i piloti Daniel Ricciardo ed Esteban Ocon. L’obiettivo della casa automobilistica quest’anno è quello di far risalire la squadra ai piani alti, dopo il rientro in Formula 1 annunciato nel dicembre 2015.

Per la Toro Rosso, invece, ci saranno Pierre Gasly e Daniil Kvyat. La squadra di Faenza ha come obiettivo quello di svezzare i giovani talenti destinati alla Red Bull. Cionostante, la squadra sta crescendo, come si è evinto nel mondiale scorso, concluso a soli due punti dalla Renault e con due podi.

Reduce da passate stagioni alquanto altalenanti, con l’alternanza di tre direttori tecnici che di certo non ha contribuito a quella stabilità necessaria in Formula 1, per l’Alfa Romeo si prepara Kimi Raikkonen in coppia con Antonio Giovinazzi, promettendo un buon riscatto per quest’annata.

Tra le ultime file, invece, la Williams, per cui gareggeranno George Russell e Nicholas Latifi, con cui si spera si possa far meglio rispetto al risultato conseguito lo scorso anno.

Infine, la scuderia americana Haas ha confermato i piloti Kevin Magnussen e Romain Grosjean, mentre per Racing Point si prepara la coppia composta da Lance Stroll e Sergio Perez, il quale sogna di tornare sul podio dopo esserci salito per tre volte tra il 2016 ed il 2018.

Riccardo