Rose gialle: ecco qual’è il loro significato

2 months ago

Le rose, si sa, sono i fiori più amati dalle donne, soprattutto quelle rosse, ma non mancano nemmeno quelle che apprezzano quelle gialle. Le rose gialle, in generale, significano gelosia, ma non è il loro unico significato. Infatti, il colore fa pensare all’allegria ed alla vivacità.

Il loro significato

Il colore giallo è quello più vicino alla luce del sole, non solo per la sua brillantezza, ma anche per le sue doti rigeneranti. Infatti, chi pratica la cromoterapia consiglia di circondarsi di fiori gialli quando si è depressi o ci si sente arrabbiati. A livello mentale è il colore assocciato all’intelletto ell’emisfero del cervello legato alla logica.

Questa tonalità, è inoltre sacro ai buddhisti, che lo associano alla seggezza, e pittori come Henri Matisse, Paul Gauguin e Joan Mirò, sembravano prediligerlo nelle loro tele.

Nonostante ciò, le rose gialle continuando ad essere simobolo di gelosia, tradimento ed amore incerto, per questo, se si desidera regalarle a qualcuno, in particolare ad una donna, a meno che quest’ultima non sia proprio un’amante di questo tipo di rosa, è bene inserire nel bouquet fiori dello stesso colore o rose di colori diversi.

In sostanza, le rose gialle possono simboleggiare gelosia e tradimento, ma anche il sole, la gioia, l’allegria, l’oro e, se contornate di rosso, l’amore platonico.

Le varietà

A conferire il colore giallo alle rose sono dei minerali come il cadmio, il cromo e lo zinco, mentre il loro tono può essere più forte o tenue a seconda dell’esposizione al sole. Per i botanici che realizzano degli ibridi, non è sempre facile ottenerle, ma tra le varietà ottenute si possono includere:

  • la Butterstotch, di un giallo pastello, ibridata dall’olandese Olij Rozen che richiama anche la dolcezza della caramella di cui porta il nome, ed aperta misura circa sette o otto centimetri di diametro, con un stelo lungo dai cinquanta ai novanta centimetri;
  • la Sphinx, chiamata così da chi l’ha ibridata, l’olandese Preesam Plant, per il suo colore giallo oro, che richiama il colore del sole allo zenit in Egitto, patria dell’omonimo animale mitologico, e viene coltivata in Olanda e in Sudamerica;
  • l’Ilios, anch’essa realizzata da un’olandese, Schreus, che ha dichiarato di aver pensato al sole che illumina le giornate come faceva Elena, la mitica principessa di Troia, ed i cui petali sembrano nastri di seta;
  • la Limbo, che ha guardarla sembra quasi verde, e chi l’ha realizzata (il tedesco Kordes’ Sohne), infatti, nel conferirle il nome ha dichiarato di aver pensato al Limbo dantesco, dove risiedevano i non battezzati e poeti come Omero e Orazio, dove si poteva ammirare un castello circondato da un alone di luce, seppur tenue;
  • la Mohana, creata da un ibridatore ecuardoregno, che ha sempre adorato il sole ed il mare di Haiti, e ha conferito questo nome alle sue rose, che oggi sono realizzate da Rosen Tatau (Germania).

Ci sono, inoltre, varietà di rose in cui predomina il colore rosso, ma che possono avere dei contorni gialli, come la Cherry Brandy o Milva La Rossa.

Claudia