Come acquistare un ferro da stiro

Acquistare un ferro da stiro può sembrare una cosa banale ma, in verità, non lo è affatto. Bisogna prendere in considerazione molti elementi, se si vuole fare una scelta azzeccata ed evitare di scegliere un prodotto che non sia in linea con le proprie esigenze. E’ meglio scegliere un ferro con caldaia o senza, con la piastra economica o in materiali conduttori di qualità, una marca di qualità o economica. Insomma le variabili in gioco sono molte.

Proprio per questo abbiamo deciso di mettere online questa guida in cui andiamo ad analizzare alcuni aspetti chiave che dovrebbero essere sempre presi in  considerazione prima di scegliere un ferro da stiro. 

FERRO DA STIRO: QUAL E’ IL MATERIALE MIGLIORE PER LA PIASTRA?

La piastra è un elemento fondamentale di qualsiasi tipo di ferro da stiro, quello che più ne influenza le prestazioni e uno degli aspetti da valutare con più attenzione al momento dell’acquisto. Il materiale con cui la piastra è fatta riveste un ruolo importantissimo ai fini della qualità del lavoro che si vuole ottenere.

Desideri capi perfettamente stirati, lisci e precisi? Ecco quale garanzia offrono i materiali delle piastre di cui sono dotati i ferri da stiro attualmente disponibili in commercio.

L’acciaio è un classico delle piastre di molti ferri da stiro, utilizzato soprattutto in virtù della sua elevata resistenza e per la capacità di distribuire uniformemente il calore. L’acciaio assicura un buon lavoro, fluido e poco faticoso, ma pecca un po’ nelle rifiniture.

Il teflon (usato anche per rivestire pentole e padelle) è meno resistente dell’acciaio, ma garantisce anch’esso una perfetta distribuzione del calore e quindi una buona qualità nel lavoro. Il teflon è forse il materiale anti aderente per eccellenza: i vostri vestiti non correranno il rischio di restare appiccicati alla piastra del ferro da stiro.

L’alluminio è resistente, ma meno fluido e scorrevole rispetto ad acciaio e teflon; esso recupera tuttavia alla grande sotto l’aspetto della precisione, poiché è il materiale che più di ogni altro assicura capi stirati alla perfezione in ogni loro piccolo angolo.

Infine una novità piuttosto recente: la piastra in ceramica. La ceramica, è noto, sempre più adoperata anche per la confezione di pentolame ed utensili da cucina, è un materiale pulito, igienico e di facile detersione, che tuttavia, per quanto riguarda i ferri da stiro, non ha sempre una resa eccellente, tranne che per i tessuti più delicati.

Come potete vedere le possibilità di scelta sono ampie: valutate attentamente le vostre esigenze personali e familiari al momento di scegliere il nuovo ferro da stiro.

TIPOLOGIE DI FERRI DA STIRO: FERRO DA STIRO A SECCO

Fra le numerose tipologie di ferri da stiro attualmente presenti sul mercato, il ferro da stiro a secco, ovvero senza emissione di vapore, è quello che più si avvicina ai modelli utilizzati in passato, quelli delle nostre nonne, per intenderci.

Ma quali sono i pregi e i difetti principali degli attuali ferri da stiro a secco in commercio?
Innanzitutto il ferro da stiro a secco, come intuibile, non necessita di acqua per funzionare, il che si traduce in una totale mancanza di problemi di calcare, presente spesso in grosse concentrazioni nell’acqua del rubinetto, e causa di guasti e malfunzionamento del ferro stesso; di spese in tal senso, in caso decidiate per l’acquisto di un ferro da stiro a secco per uso domestico, non ce ne saranno di sicuro.

Lo stesso dicasi per le goccioline emesse, durante l’attività di stiratura, dai più comuni ferri da stiro a vapore, che a qualcuno possono dar fastidio: il modello a secco, senz’acqua, non causa alcun disagio del genere. E ora passiamo ai limiti, che nel caso del ferro da stiro a secco non sono né pochi né di poco conto.

Il fatto che esso stiri senza aggiunta di acqua, lo rende più difficile da usare e pertanto poco adatto ai meno esperti; la temperatura non può essere regolata, e se ciò può non costituire un problema per una casalinga provetta, lo stesso non si può affermare, in genere, per i meno abili e abituati a stirare.

Poi c’è il peso: il ferro da stiro a secco è decisamente pesante, qualche chilo almeno, una caratteristica da evitare per i più anziani, per chi ha difficoltà a maneggiare oggetti pesanti o a stare a lungo in piedi. Gli ultimi modelli di ferri da stiro a secco nella versione da viaggio infine, essendo di dimensioni ridotte, non presentano il suddetto problema.