La dieta dei primi 1000 giorni di un bambino

Donna-in-gravidanzaLa gravidanza è uno dei momenti più emozionanti per una donna e per una coppia. Un momento che oggi può contare sulla nuova teoria dei 1000 giorni, nata con le ultime scoperte dell’ epigenetica, scienza che studia l’attivazione dei nostri geni.

E’ emerso che dal concepimento ai due anni di età del bambino, l’ambiente che lo circonda e gli alimenti di cui si nutre sono fondamentali per la sua salute futura.

E’ vero che nella pancia della mamma il bimbo è protetto da tutto, ma questi due fattori sono decisivi.

Se la mamma vive in una città inquinata o in una zona agricola con un importante uso di pesticidi, il feto è più a rischio perchè le sostanze assorbite potrebbero interferire con l’attività dei suoi geni e sviluppare malattie future.

Oggi sappiamo che anche l’alimentazione è fondamentale per la corretta crescita del piccolo: se una donna in attesa mangia troppi zuccheri, grassi, sale e cibi carichi di conservanti è molto probabile che suo figlio possa andare incontro ad obesità, ipertensione e malattie metaboliche.

Quali sono, allora, le regole per una corretta alimentazione in gravidanza?

Innanzitutto, bere molta acqua. Preferire frutta e verdura di stagione, puntare su legumi e cereali integrali, pesce azzurro, poca carne e olio extravergine d’oliva, sia in gravidanza che durante l’allattamento. Vale la pena ricordare che il latte materno è l’alimento più sano e completo che si possa offrire ad un neonato, un’assicurazione sulla salute del bambino.