cantante

Nina Zilli: biografia, quando è nata, qual è il vero nome e curiosità sulla vita privata

Nina Zilli è lo pseudonimo di Maria Chiara Fraschetta ed è una cantautrice nonché conduttrice radiofonica italiana nata nel 1980 in quel di Piacenza. Nina Zilli ha iniziato la sua carriera con alcune esperienze da Vj e nel campo musicale con alcuni gruppi, ma è nel 2009 e firma il primo contratto discografico con l’etichetta Universal con la quale pubblica l’ep omonimo di debutto. Il singolo estratto di 50.000 copie le permette di raggiungere la grande notorietà e verrà anche inserito come colonna sonora nel film Mine vaganti.

Carriera

Dopo il folgorante esordio con il primo singolo, ecco che partecipa nel 2010 nella categoria Nuova Generazione al Festival di Sanremo con il brano “L’uomo che amava le donne” e riuscì a conquistare il terzo posto del podio e vinse anche il premio della critica Mia Martini, il Premio Sala Stampa Radio TV nonché il premio Assomusica. Le altre partecipazioni risalgono al 2012 con il brano “Per sempre”, al 2015 dove porta il brano “Sola” e nel 2018 con il brano “Senza appartenere”.

Nel 2012 Nina Zilli è stata anche la rappresentante italiana all’eurovision song contest con il brano “L’amore è femmina (Out Of Love)” e raggiunge il nono posto della classifica. In carriera ha anche vinto due Wind Music Awards ed è stata candidata. agli MTV Europe Music Awards i premi videoclip italiani, nonché ai TRL Awards.

Dopo aver debuttato al fianco di Red Ronnie nel 2001 al Roxy Bar, ecco che intraprende effettivamente la carriera televisiva e radiofonica nel 2011.

Ultime collaborazioni e vita privata

Risale al 2019 la collaborazione con J-Ax e Danti con il singolo “Tu ed io”. Mentre  il 6 febbraio 2020 è ospite al settantesimo Festival di Sanremo, questa volta accompagnando il futuro vincitore Diodato. Nel brano Ventiquattromila baci che ha riscosso molto successo. L’ultimo singolo risale al 21 maggio del 2021 e prende il nome di Senorita ed è registrato insieme al rapper napoletano Clementino.

La particolarità di Nina Zilli senza ombra di dubbio è il registro vocale da soprano poiché è caratterizzata da una voce davvero molto potente in cui si sentono delle chiare influenze degli anni 40. Non a caso gli spunti di riferimento sono soprattutto Nina Simone, da cui appunto prende anche il nome, da Mina, ma anche Etta James Otis Redding e dalla compianta Amy Winehouse di cui in alcune occasioni anche sfoggiato una capigliatura simile.

Negli Stati Uniti Nina Zilli trascorre ben 2 anni per studiare approfonditamente già le sue conoscenze di r&b, reggae e se non che la musica italiana degli anni 60. Tuttavia Nina Zilli viene anche molto influenzata dalle sonorità punk e rock degli anni ’70 e questo nella sua musica si sente di uno dei suoi tratti distintivi.

Della sua vita privata non si sa molto, è una persona decisamente molto riservata e qualche anno fa era solamente trapelata la notizia di una sua relazione con il cantante Neffa. Nina Zilli tende a far concentrare giustamente l’attenzione unicamente sulla sua carriera da artista, dal momento che questo è effettivamente l’unico campo di cui ci si dovrebbe interessare e non parlare della sua vita privata.